A proposito dei Tavoli di lavoro 2018

Fondazione di Ferdinando_005Dal mese di maggio la Fondazione ha avviato e sta promuovendo tre tavoli di lavoro dedicati alle seguenti tematiche:

  • periferie/frazioni a rischio;
  • giovani e raggiungimento dell’autonomia;
  • donne e prevenzione della violenza di genere.

L’iniziativa nasce dalla volontà di creare, innanzitutto, dei spazi di confronto tra enti (beneficiari delle erogazioni in diverse annualità del bando della Fondazione) che operano in ambiti prioritari per la Fondazione. Ad oggi le realtà coinvolte, messe in connessione secondo una logica generativa, appartengono sia al settore pubblico (Provincia, Regione Marche), sia al settore privato (ETS).

Obiettivo dei tavoli di lavoro è far nascere, sulla base delle esperienze realizzate o in corso, nuovi progetti condivisi che concorrano al prossimo Bando 2018, all’interno di un’apposita sezione a loro dedicata.

Periferie/frazioni a rischio – Il tavolo di lavoro sulle periferie mette insieme i referenti di tre progetti riguardanti zone caratterizzate da marginalità e conflitti; frazioni isolate o home-22527_1920quartieri centrali (periferie simboliche del centro storico) che ospitano condizioni di disagio. Ripartire dalla comunità, tramite attività culturali o sportive, è l’elemento che accomuna tra loro gli interventi. Nello specifico il progetto Komunio si svolge nel quartiere di Borgo Santa Maria – Pesaro (ente capifila Ass. Biricoccolo); il progetto Radici e stelle coinvolge Ponte Armellina – Urbino (ente capofila Ass. Zoé); nel quartiere degli Archi – Ancona (ente capofila Coop. Irs L’Aurora) si sta operando tramite il progetto Educalci.

Giovani e raggiungimento dell’autonomia – Minori stranieri non accompagnati, minori affetti da dipendenze, minori con fragilità: sono tanti i giovani che necessitano di essere sostenuti nella fase di passaggio verso la maggiore età e verso un inserimento nel mondo del lavoro. Il tavolo è partito dalle esperienze di formazione realizzate con Il mio futuro riparte da qui – Diventiamo cittadini attivi – ente capofila Provincia/ Regione Marche e con i progetti: Nuovi Frutti – Percorsi di agricoltura sociale per minori ente capofila Cooperativa Terra, Dove troveremo tutto il pane, percorsi di formazione e accompagnamento al lavoro nell’ambito della ristorazione per giovani provenienti da comunità terapeutiche – ente capofila Cooperativa L’imprevisto), Ti accompagno, tirocini formativi per minori stranieri non accompagnati prossimi alla maggiore età – ente capofila Cooperativa T41B). Partecipa anche l’associazione Il Giovane Holden che si occupa di consulenza, ricerca, formazione e progettazione in ambito psicologico.

Donne e prevenzione della violenza di genere – Il tavolo di lavoro riguardante le donne e l’importante investimento, innanzitutto culturale, dedicato alla prevenzione della violenza di genere, mette insieme i seguenti progetti:  Dieci decimilaboratori scolastici per contrastare violenza, discriminazione di genere e stereotipi comportamentali comunemente riconosciuti (ente capofila Associazione Percorso Donna); Casa Aurora: struttura di accoglienza per donne in stato di disagio sociale e abitativo, stanziali o residenti nel territorio di Pesaro (ente capofila  Associazione La città della Gioia); Ripartire dalla vitainterventi per migliorare lo stato di salute delle mamme sieropositive della baraccopoli di Soweto (Kenya) e dei loro bambini (ente capofila Associazione L’Africa Chiama); Sostegno alla ripartenza delle ragazze di strada in attesa della costruzione di un centro di accoglienza a Soddo – Etiopia: azioni di supporto per il sostentamento e la formazione scolastica di n.14 ragazze di strada, affinché possano crescere in un ambiente sicuro ed avere delle reali opportunità di inserimento nel mondo del lavoro (ente capofila Villaggio dei ragazzi sorridenti Onlus).

La Fondazione, avviandosi verso il quinto bando, tenta ad oggi di implementare la sua capacità di attivatrice sociale, mobilitando e interconnettendo reti di impegno pubbliche e private per il raggiungimento di obiettivi comuni.

Leave a Reply

Your email address will not be published.